• Italiano
  • English
(+39) 055 216141 info@hotelcasadellago.com

Palazzo Pitti

Venne commissionato dal banchiere Luca Bonaccorso Pitti a Filippo Brunelleschi nella seconda metà del 1400. La versione della prima costruzione di Palazzo Pitti era molto più modesta rispetto a quella odierna, infatti prevedeva solamente 2 piani rivestiti con le bugne di pietra. Nel corso dei secoli vennero apportate diverse modifiche per ottenere il Palazzo che si può ammirare oggi.

Situato nella piazza chiamata “Diladdarno”, ai piedi della collina di Boboli, venne acquistato nel 1550 da Cosimo de’ Medici che voleva farne la residenza di famiglia e lo stesso commissionò a Bartolomeo Ammannati il cortile porticato e le grandi finestre dette inginocchiate, mentre il giardino detto di Boboli dall’omonima collina, venne realizzato da Niccolò Tribolo.

Nel 1565 il Vasari pensò di collegare Palazzo Pitti a Piazza della Signoria costruendo un corridoio sopraelevato. Nel 1618 Giulio da Parigi continuò i lavori e l’edificio venne ampliato con altri 2 corpi a 2 piani. Infine, in occasione delle sue nozze con Vittoria della Rovere, il granduca Ferdinando II chiamò artisti come Giovanni da Sangiovanni e Pietro da Cortona per rendere il Palazzo una vera reggia. E’ della fine del 1700 la realizzazione dell’ultimo corpo aggiunto a Palazzo Pitti: Pietro Leopoldo, infatti, commissionò a Gaspare Maria Paoletti e Pasquale Poccianti la progettazione della palazzina della Meridiana, in stile neoclassico.

Oggi Palazzo Pitti è sede di importanti musei (Argenti, Porcellane, Costume, Carrozze e Giardino di Boboli) attraverso i quali si può ripercorrere lo sfarzo e lo splendore di un’epoca lontana.

Powered by: WHEI.T.A. Solutionwebdesign NazgDesign.com